A chi non si è mai arreso ne ha mai permesso a noi di arrenderci.

martedì 01 dicembre 2015

Davide Polese non si è mai arreso né ha permesso a noi di arrenderci.

davide polese

E così abbiamo pensato di ricordarlo organizzando una manifestazione sportivo-culturale-sociale che abbiamo chiamato “1° Trofeo SMAIL”, fusione tra la parola inglese smile (sorriso) e la sigla AIL, per significare l’importanza del sorriso in qualunque situazione, anche spiacevole (“Qualunque cosa accada, continua solo a sorridere – WHATEVER HAPPENS JUST KEEP SMILING”), e la presenza di associazioni come la nostra che lottano con speranza e in amicizia per aiutare le persone meno fortunate.

Il meteo è stato generoso e così il 17 maggio scorso 150 bambini di otto società sportive, con le loro famiglie, hanno dato vita al nostro progetto. Inizialmente c’è stato un breve incontro sul tema delle malattie onco-ematologiche con il prof. Gherlinzoni, Primario della “nostra” Ematologia di Treviso, e con volontari AIL e di altre associazioni che hanno obiettivi analoghi ai nostri, con lo scopo di far conoscere alle persone cosa facciano dette associazioni o, semplicemente, per raccontare la malattia da chi ogni giorno la combatte.trofeo-smail

Successivamente la compagnia Zoghi de ‘na volta ha coinvolto i bambini in tornei a squadre di giochi che facevano i nostri nonni, con lo scopo di consentire alle giovani generazioni di usare abilità ormai sopite, per riscoprire aspetti delle nostre tradizioni e vivere un’esperienza nuova sul filo dei ricordi. Dopo la pausa pranzo, curata dal Gruppo Festeggiamenti di Preganziol che ha fatto gustare piatti tipici dell’enogastronomia del territorio, è iniziata la gara di nuoto all’interno della piscina, cui è seguito uno spazio dedicato alla squadra agonistica “Special Olympic”.

corsa-con-i-sacchi
La giornata si è conclusa con le premiazioni delle squadre e degli atleti, anche se l’aspetto agonistico non era, ovviamente, quello predominante. Abbiamo infatti voluto privilegiare altri principi quali AMICIZIA, FIDUCIA IN SÈ E NEGLI ALTRI, ALTRUISMO e CORAGGIO, che abbiamo inteso trasmettere ai partecipanti grandi e piccoli tramite il divertimento, il gioco, la tradizione, lo sport ed il volontariato. E, visto il risultato, crediamo di esserci riusciti. Appuntamento quindi alla seconda edizione! Con un rinnovato, grandissimo “GRAZIE” a tutti coloro (Enti, Associazionie persone) che hanno reso possibile tutto ciò e, in particolare, alla sensibilità della grande tribù di “Stilelibero”.


Samuela Pizzato
Preganziol